ARTE CHIESE EDIFICI STORICI

Giovanbattista Tiepolo nel vicentino

Giambattista Tiepolo

Oggi parleremo di Giovanbattista Tiepolo, uno dei simboli che caratterizzano la città di Vicenza ed anche tutta la provincia.
Un artista che ha saputo caratterizzare la città, i suoi borghi ed angoli più segreti.
Tra le tante opere pittoriche del Tiepolo sono certamente da ricordare i lavori che lo caratterizzano all’interno di ville e chiese sparse in tutto il territorio vicentino ed italiano.

Chi è?

Il territorio berico è noto per le diverse opere architettoniche ad opera di Andrea Palladio che arricchiscono la provincia con ville di notevole rilevanza.
Molto spesso l’architetto si è avvalso di collaborazioni più o meno illustri, e tra le più significative spicca il nome di Giovanbattista Tiepolo pittore ed incisore veneziano.

Le ville

Le ville definite “tiepolesche” del territorio vicentino sono alcune delle palazzine del Palladio nelle quali il pittore ha prestato la propria professionalità a stretto contatto con il progettista: Villa Zileri del Biron di Monteviale, Villa Cordelliana di Montecchio Maggiore e Villa Valmarana ai Nani di Vicenza.

Villa Valmarana Ai Nani Tiepolo Palazzina

Un riferimento differente è da applicarsi per altri tipi di strutture.
E tra queste strutture possiamo ammirare Villa Pisani di Stra e il palazzo reale di Madrid, edifici per i quali l’artista fu contattato ad opera architettonica ultimata solo ed unicamente per decorare il soffitto del salone principale.

Le opere

Oltre alle sopracitate collaborazioni artistiche, Tiepolo è da annoverare per le seguenti opere:

  • Chiesa dei SS. Vito, Modesto e Crescenzia (Noventa Vicentina): all’interno della chiesa settecentesca è conservata la pala dedicata ai SS. Rocco e Sebastiano.
    Un olio su tela realizzato intorno agli anni 1758/60;
  • Chiesa di S. Stefano (Vicenza): decorazione del tabernacolo dell’altare composto da tre tavole del pittore (annate 1758/60)), “San Pietro”, “San Giovanni Battista” e “La Resurrezione”;
  • Palazzo Chiericati (Vicenza): tre sono le opere dell’artista “L’Immacolata” (1735) proveniente dalla chiesa dell’Araceli, “Tempo scopre la Verità” (1743-44) proveniente dalla residenza dei Cordellina di Montecchio Maggiore, “La Decollazione di san Giovanni Battista”;
    Decollazione
  • Chiesa di Santa Maria Maddalena (Camisano Vicentino):
    “L’Apoteosi di San Gaetano Thiene”, contemporanea agli affreschi della Valmarana (1757) è l’opera commissionata dalla famiglia Thiene all’interno della chiesa;
  • Museo Civico (Bassano del Grappa): il museo ospita diversi disegni di artisti veneti tra i quali Giovanbattista Tiepolo e di suo figlio Giandomenico.
    L’opera dell’artista presente nel museo è la “Circoncisione”, eseguita attorno agli anni 1731/32.
    L’opera “Madonna con Bambino”, altrettanto interessante, è firmata invece dal figlio Giandomenico, altrettanto conosciuto per molte sue opere.
Matteo Venturini

Autore: Matteo Venturini

Giornalista iscritto all’Albo della Regione Veneto e scrittore, è anche Direttore Responsabile del quotidiano nazionale www.laltrapagina.it e storico collaboratore del mensile Il Piave.
Titolare di della web agency Emmevi Comunicazione (www.mvcom.it) fornisce consulenza a imprenditori in ambito comunicazione aziendale, social media e marketing.
Grande appassionato di sport fonda nel 2003 la polisportiva A.S.D. Patavium 2003 del quale ne è attualmente Presidente Onorario.
Appassionato di cultura, sport e tradizioni è il Responsabile di itVicenza.

Giovanbattista Tiepolo nel vicentino ultima modifica: 2018-11-14T11:00:21+00:00 da Matteo Venturini

Commenti

To Top