EDIFICI STORICI

Il Forte Corbin. Cento anni dalla Grande Guerra

Forte Corbin

Il Forte Corbin è uno dei simboli veneti più importanti della Prima Guerra Mondiale. Con l’occasione del centesimo anniversario dallo scoppio della Grande Guerra che ha coinvolto diversi paesi mondiali compresa la nostra Patria, ho avuto l’occasione di visitare uno dei forti che ha dato un alto impatto storico-politico nella prima metà del secolo scorso.

Dove si trova

Il Forte Corbin, nella località di Tresche Conca (VI) a circa 1100 metri di altitudine, è una fortezza italiana costruita nel 1906.
Visto l’anticipo della costruzione rispetto l’inizio della guerra ha permesso al Genio Militare la rifinitura della struttura bellica seguendo i canoni di fortezza di alta montagna.
E’ proprio per questa ragione che la struttura a dispetto di molte altre risulta essere la più adeguata dell’epoca ed è il miglior esempio di ingegneria militare per le tecnologia italiana.

Durante la Grande Guerra

La costruzione eretta su uno sperone di roccia proteso a picco sulla Val d’Astico aveva lo scopo di impedire l’avanzamento delle truppe austriache.
Nonostante questo le truppe nemiche, tecnologicamente più avanzate, riuscirono ad attaccare ed espugnare la struttura.
La carenza di medi calibri in zona avanzata costrinse gli italiani a privare i forti dei pezzi migliori per trasportarli in luoghi maggiormente strategici.
Per questo dopo i primi mesi di guerra i cannoni del Corbin furono spostati in altre zone di guerra e nelle sei cupole del forte, al posto delle canne dei cannoni vennero posizionati dei tronchi al fine di far desistere il nemico.

Forte Corbin 2

Copyright – Matteo Venturini

Gli austriaci entrarono in possesso dello stabile dopo il bombardamento del maggio 1916 (proiettili da 380 e 420 mm) e mantennero il caposaldo fino al 25 giugno, quando si esaurì la Strafexpedition ed il fronte si spostò più a nord, in prossimità della Val d’Assa.
Da quel momento il forte non venne più utilizzato per cause belliche ma unicamente come deposito e postazione italiana di osservatorio.
Si sono stimati circa 60 caduti tra soldati austriaci e italiani.

Il museo

Alla fine degli anni Venti venne spogliato da tutto il materiale ferroso e vennero utilizzate mazze ed esplosivo che deteriorarono ulteriormente la struttura portante.
Dal 1942 il Forte Corbin passa sotto la proprietà della famiglia Panozzo che ne cura la ristrutturazione ed il recupero dei reperti.

Interni Forte Corbin

Copyright – Matteo Venturini

Persino Alberto Angela nel 1997 girò una puntata dedicata alla storia ed alla cultura del luogo e del fortino.
Oggi è apprezzato per il museo storico ed è meta di diversi turisti provenienti dalla penisola e dai paesi centro europei.

 

Matteo Venturini

Autore: Matteo Venturini

Giornalista iscritto all’Albo della Regione Veneto e scrittore, è anche Direttore Responsabile del quotidiano nazionale www.laltrapagina.it e storico collaboratore del mensile Il Piave.
Titolare di della web agency Emmevi Comunicazione (www.mvcom.it) fornisce consulenza a imprenditori in ambito comunicazione aziendale, social media e marketing.
Grande appassionato di sport fonda nel 2003 la polisportiva A.S.D. Patavium 2003 del quale ne è attualmente Presidente Onorario.
Appassionato di cultura, sport e tradizioni è il Responsabile di itVicenza.

Il Forte Corbin. Cento anni dalla Grande Guerra ultima modifica: 2018-11-17T11:00:28+00:00 da Matteo Venturini

Commenti

To Top