ITINERARI LO SAPEVI CHE

Tutti i primati vicentini

Valgadena

Poche persone sono a conoscenza degli interessanti primati vicentini che interessano tutta la provincia berica.

Ponte Valgàdena

Il Ponte Valgàdena ne è un esempio “mastodontico”! Con una altezza luce di media 175 metri (300 metri per il punto più basso) e con una lunghezza di bel 282 metri, attualmente è il ponte più alto d’Italia.
Costruito nel 1990, si trova nell’omonima zona dalla quale prende il nome (più precisamente sull’Altopiano dei Sette Comuni) e collega i due paesi Foza ed Enego.
Attualmente è riconosciuto come uno dei viadotti più alti d’Italia e d’Europa ed è talvolta utilizzato anche per la pratica del bungee jumping offrendo una esperienza da brivido a tutti gli appassionati di questo sport.

Cartellopontefoza

Calà del Sasso

La “Calà del Sasso” in fatto di mastodonticità non ne è da meno. Formata da ben 4444 gradini, collega il paese Valstagna alla frazione Sasso di Asiago ed è la scalinata più alta del mondo dopo quella di 5500 gradini nello stato dello Sri Lanka.
Copre un dislivello di ben 744 metri e prende questo nome (Calà) per l’utilizzo che se ne faceva nei secoli scorsi. Tronchi di alberi venivano rotolati fino a valle e galleggiavano sul fiume Brenta fino a raggiungere la città di Venezia, per essere poi impiegati nell’Arsenale.

Cala Sasso

Altri primati

Proseguendo con i record a livello nazionale, sempre sull’Altopiano, troviamo ad Asiago l’osservatorio astronomico contenente lo strumento ottico più grande d’Italia. La struttura è utilizzata dagli studenti dell’Università degli Studi di Padova e risulta essere parte della sede distaccata del polo universitario patavino.
Poco distante, a Piovene Rocchette, è stata immatricolata nel 1892 la prima automobile in Italia. Un record molto interessante per gli appassionati delle quattro ruote, ed un motivo di orgoglio per la motorizzazione civile di Vicenza.

Passando ai record legati alla tradizione veneta, la campana più antica del Veneto si trova a Lusiana, il campanile Breganze è il terzo campanile più alto del Veneto (dopo quello del Duomo di Lendinara e di Piazza San Marco a Venezia) ed infine tutte le malghe vicentine sono le più estese di tutto il territorio dell’arco alpino.

Infine la provincia può esser fiera di aver ospitato il primo Festivalbar (ad Asiago), e la prima adunata alpina (nel 1920 sul Monte Ortigara). Asiago infatti era considerata quasi al pari di Cortina d’Ampezzo dei giorni nostri e ogni stagione accoglieva VIP e persone di successo.
Infine la provincia di Vicenza ha un un record “al contrario”: il fiume Oliero, è considerato uno dei più corti fiumi d’Europa!

Matteo Venturini

Autore: Matteo Venturini

Giornalista iscritto all’Albo della Regione Veneto e scrittore, è anche Direttore Responsabile del quotidiano nazionale www.laltrapagina.it e storico collaboratore del mensile Il Piave.
Titolare di della web agency Emmevi Comunicazione (www.mvcom.it) fornisce consulenza a imprenditori in ambito comunicazione aziendale, social media e marketing.
Grande appassionato di sport fonda nel 2003 la polisportiva A.S.D. Patavium 2003 del quale ne è attualmente Presidente Onorario.
Appassionato di cultura, sport e tradizioni è il Responsabile di itVicenza.

Tutti i primati vicentini ultima modifica: 2018-11-16T11:00:05+00:00 da Matteo Venturini

Commenti

To Top